Lamborghini Plant Expansion

03 lug 2018

Lamborghini Plant Expansion


Ampliamento aziendale per nuova produzione

Un ampliamento aziendale finalizzato alla realizzazione del nuovo SUV firmato Lamborghini: URUS

La Direzione Lavori ha comportato la gestione di più di 600 imprese che hanno lavorato contemporaneamente con circa 3600 lavoratori realizzando 80.000 mq di nuova superficie costruita.
Il cantiere non ha comportato interruzione dei processi produttivi ed ha avuto una durata totale di soli 15 mesi.

Il progetto si è articolato in 7 realizzazioni principali:

  • Assemblaggio Urus,
  • Area collaudo vetture,
  • Finizione,
  • Energy Hub,
  • Trigenerazione,
  • Torre 1963,
  • Magazzino logistico e nuova Fuelling station.

La nuova linea d'assemblaggio dedicata al primo Super SUV al mondo nasce da un fabbricato precedentemente utilizzato come centro logistico che è stato ampliato e riorganizzato e ha visto il completo rifacimento degli impianti meccanici quali impianto di riscaldamento/raffescamento, impianto aria compressa, impianto acqua ad uso sanitario (calda, fredda, ricircolo), impianto di ventilazione meccanica e ricambio aria, impianto acqua industriale ed osmotizzata e linee di scarico.
Questo comparto, denominato Assembly, è allacciato al Polo Energetico e fornito di locale tecnico interno dal quale si derivano tutte le linee di distribuzione.
Oltre alla zona lavorativa gli impianti servono le zone uffici e spogliatoi interni al fabbricato.

L'area collaudo nasce dall'esigenza di testare le macchine e analizzarne le reazioni. Per questo sono stati realizzati un tracciato di collaudo e strutture di controllo che hanno richiesto l'ausilio di impianti meccanici per la climatizzazione degli ambienti e per la manutenzione e la prova delle autovetture.

Per la Finizione delle autovetture prodotte è stato realizzato un fabbricato dedicato, chiamato Finishing, che presenta tutte le soluzioni impiantistiche e tecnologiche per rispondere alle esigenze di processo, come ad esempio le zone lavaggio/asciugatura, cabine spot repair, i tunnel di finizione e le aree reworks; anche questo comparto è collegato al Polo energetico di cui sopra, fornito di locale tecnico a servizio di zone uffici, spogliatoi area mensa e cucina.

Tutto il nuovo Comparto viene alimentato da un polo energetico denominato “Energy Hub” che comprende: centrale frigorifera, centrale termica, centrale idrica e centrale aria compressa e impianto di trasformazione elettrica di media tensione.
I fluidi prodotti vengono contabilizzati all ingresso di ogni fabbricato e remotizzati a un sistema di supervisione generale per la lettura dei consumi e la gestione degli impianti.
In questo contesto è stato raddoppiato l'impianto di Trigenerazione costruito l'anno precedente, potenziando così la produzione di energia elettrica, termica e frigorifera del comparto mirando sempre di più al rispetto dell'ambiente e alla sostenibilità  energetica.

La Torre 1963, distribuita su 6 livelli fuori terra, è un edificio al cui interno si trovano uffici dirigenziali, open-spaces, sale riunioni e servizi, in grado di ospitare circa 300 persone.
L'edificio ha ottenuto la certificazione LEED PLATINUM con il record del punteggio in Italia: 92 punti su 110, confermando l'attenzione rivolta, in fase di progetto e durante la direzione lavori, al contenimento energetico e all'uso delle migliori soluzioni tecnologiche.

ll magazzino Logistico, con oltre 25.000 mq di superficie utile, rappresenta il fabbricato più ampio di tutto il comparto produttivo, al suo interno sono collocate zone uffici, refettorio, spogliatoi ma anche locali strategici quali data center e deposito batterie per l ‘interno comparto.
L'edificio per il suo amplio sviluppo ha richiesto particolare attenzione all'equilibratura degli impianti e al contenimento delle dilatazioni termiche.

Le autovetture in uscita dagli stabilimenti produttive hanno richiesto la realizzazione di un nuovo distributore benzina per il rifornimento esterno e a servizio della linea di Assemblaggio.
La pericolosità  del fluido ha richiesto una progettazione attenta alle norme di settore al fine di garantire la massima sicurezza e l'ottenimento finale della licenza dagli enti competenti.

Foto Lamborghini Plant Expansion

Impianti Tecnologici

Altre realizzazioni di Burani e Nocetti

Lamborghini Plant Expansion
Cella 18
4WD